Krapp’s Last Post
“Coso” è Riccardo Floris. “Cosa” è Alessia Berardi. Due attori dalle grandi qualità. Che lottano con corpo e voce in un’alternanza ritmica di parole e lunghi monologhi, suoni e urla, dialoghi serratissimi e silenzi. Sostengono l’ora di spettacolo tra sfoghi di rabbia e lampi comico-surreali, senza uscire mai dal proprio personaggio, senza perdere l’attenzione, ascoltando i sussulti e le reazioni del pubblico, sentendo intimamente il proprio partner in ogni istante e utilizzando tutto questo per mantenere il ritmo. Lo spettacolo, frutto di un lungo lavoro di drammaturgia, improvvisazioni, ricerche e interviste attraverso la collaborazione di Asl e associazioni, porta la firma di Ferdinando Vaselli. Il regista riesce a coniugare perfettamente l’iperrealismo dei personaggi con la poesia e la metafora; il dialetto si sposa con la performance fisica e l’essenzialità delle scenografie; e la musica di Chopin ben si affianca a quella elettronica originale di Sebastiano Forte. Il pubblico dimostra in più momenti la sua presenza partecipante con risate e applausi a scena aperta, ma anche con lunghi silenzi nei momenti in cui il lato tragico e violento della narrazione si mostra in tutta la sua forza. Ogni riferimento (intimo, a grandi marche di multinazionali, alla religione cattolica, alla televisione, ai modi di dire), ogni parola o nome della nostra quotidianità colpisce e affonda nella mente dello spettatore.  Unanime la reazione: un lungo applauso finale.

Teatro e Critica
Ci aspettano due spettacoli che per motivi simili faranno presa sugli spettatori. Ladyoscar di Ferdinando Vaselli (Ventichiaviteatro) è il risultato di un lungo lavoro sul campo fatto di incontri e interviste; la volontà però non è quella di un teatro che celebri la propulsione quasi sociologica che ne ha determinato il commino con un approccio totalmente mimetico. Anzi i due personaggi interpretati da Riccardo Floris e Alessia Berardi vivono nel mezzo di complessi rimandi, è la generazione cinica e degenerata di certi tipi alla Mtv (tra serie tv e cartoons) incrociata con la malinconia e tragicità dei periferici protagonisti pasoliniani.

Pensieri di Cartapesta
Coso e Cosa assomigliano a Estragone e Vladimiro: come loro, aspettano, non Godot, ma il loro pusher, che – come Godot – tarda a presentarsi. La scena è dotata esclusivamente di un divano immondo e di un’esile struttura in legno, che cambia funzione durante lo svolgersi dello spettacolo: uno specchio, una porta, un pulpito. Le azioni dei personaggi sono un mero diversivo per ammazzare il tempo: assumono cocaina, si perdono nel viavai degli aerei, litigano, mentono, sognano di scappare via lontano, ballano convulsamente al ritmo di musica techno – una canzone ossessiva che continua a ripetere «Non me fa sentì lontano, non me fa sentì solo. Non me fa sentì niente amò». Nell’alternarsi di monologhi solipsistici e di dense sticomitie, che giocano sulla ripetizione spesso eccessiva, si realizza il riflesso dell’individuo egoista e consumatore, che si propone di evadere dalla propria condizione, senza alcuna volontà di provarci realmente. «Ladyoscar è una riflessione sull’umano, e sulla trasformazione del linguaggio, che è in parte televisivo e in parte post-pasoliniano», sono le parole che Ferdinando Vaselli, autore e regista, ha scelto per descrivere la sua rappresentazione di una realtà ai margini. Come i personaggi beckettiani, Coso e Cosa sono fortemente caratterizzati nella loro fisicità: Alessia Berardi crea una figura nervosa e svelta che, nella danza frenetica, trova sfogo e respiro. Raggiunge l’apice nella corsa disperata che svolge sul palco, intorno al divano su cui dorme il fidanzato; e nel gesto di togliersi felpa e t-shirt conquista una liberazione da cui immediatamente scaturiscono vergogna e pentimento.

RecenSito
Essere tossici. Essere romani. Essere periferici. Essere persi. E, insieme, non essere tutto questo. Non essere niente se non parole e tempo spesi in un non luogo incapace di ergersi a testimone, perché vuoto. Il debutto per Teatri di Vetro di “Ladyoscar” di Ferdinando Vaselli è un dialogo tra due personaggi senza nome, un “Coso” (Riccardo Floris) e una “Cosa” (Alessia Berardi) indistinti che si rivolgono l’un l’altra con un “amó” buttato lì, svuotato. Vivono davanti ai nostri occhi una giornata tipo, scandita da buffi e sboccati intercalari romani (bravissimo Vaselli per l’aderenza alla realtà) creando una climax che, non appena raggiunto l’apice, si sgonfia su se stessa lasciando una mancanza incolmabile.

VAI ALLA PAGINA DELLO SPETTACOLO>>