WORKSHOP SUL DON GIOVANNI

UN CUORE CHE PUO’ AMARE IL MONDO INTERO
workshop di Lettura e Studio del “Don Giovanni” di Molière
condotto da Mirko Di Martino

25 gennaio 2020
TRAM Teatro Ricerca Arte Musica

SCONTO per chi si iscrive entro il 29 dicembre 2019

Il workshop si svolge in occasione dello spettacolo “Don Giovanni” in scena al TRAM dal 21 gennaio al 2 febbraio 2020.
E’ possibile acquistare insieme il workshop + il biglietto per lo spettacolo (al costo di 8 euro anzichè 12 euro)

ISCRIVITI SUBITO

 

Il workshop

Don Giovanni è uno dei personaggi più importanti della cultura europea. Nato durante il Rinascimento, con il passare del tempo ha abbandonato le spiagge della letteratura per trasferirsi negli spazi dell’immaginario collettivo. Don Giovanni è il seduttore, il traditore, il truffatore, il superficiale, il passionale: Don Giovanni è questo e altro, è tutto e niente. La filosofia, il teatro, i romanzi, la psicanalisi, hanno cercato di afferrarne la sua intima essenza e hanno fallito, ognuno a suo modo, proprio nel momento in cui sembravano esserci riusciti. Perché Don Giovanni rifiuta ogni etichetta, supera ogni confine. Meglio tornare alle origini, allora, al suo essere prima di tutto un personaggio teatrale. La sua figura era già presente ne repertori della Commedia dell’Arte, ma è con Tirso de Molina, in Spagna, che si afferma la sua identità di seduttore e ingannatore. La fama universale arriva grazie a Mozart (e Lorenzo Da Ponte) che fa da pietra di paragone per tutte le versioni successive: Goldoni, Byron, Puskin, Saramago, solo per citare alcuni degli autori che lo hanno raccontato. Tra tutte le identità assunte dal personaggio, una delle più forti è certamente quella che gli ha dato Molière: ed è su questa che ci soffermeremo, sul capolavoro del grande commediografo francese, sul Don Giovanni più cinico e sentimentale.

“Don Giovanni o Il Convitato di pietra” è forse l’opera più misteriosa e indecifrabile di Molière, quella che ancora oggi, a secoli di distanza, divide i giudizi dei critici. Presentata per la prima volta nel 1665 al Palais Royal a Parigi, fu subito ritirata dal cartellone con l’accusa di empietà. E’ una tragicommedia basata sull’opera di Tirso de Molina, ma mentre quest’ultima serviva da monito ai trasgressori della morale umana e della legge divina, il capolavoro di Molière va oltre: Don Giovanni vi è ritratto come un modello d’ipocrisia, uno che, sotto le spoglie dell’ateo, si preoccupa solo di ciò che può procurargli piacere. E’ un personaggio cupo e triste, sprofondato nella solitudine estrema. Eppure, Don Giovanni non rinuncia ad affermare la propria identità.

A chi è rivolto

– Attori, registi, allievi di teatro.
– Scrittori e drammaturghi.
– Studenti.
– Appassionati di lettura e libri.

Quando e Dove si fa

– Sabato 25 gennaio 2020
– dalle 14.30 alle 18.30
– presso: Teatro TRAM, via Port’Alba 30 a Napoli
– Il workshop si svolge in occasione dello spettacolo “Don Giovanni” in scena al TRAM dal 21 gennaio al 2 febbraio 2020

 

Cosa si fa

  • Introduzione a “Don Giovanni”: storia del testo e del contesto storico.
  • Lettura del testo in traduzione italiana, confronto con l’originale, analisi e commento del testo scena per scena.
  • Analisi dei personaggi: caratteristiche, ruoli, rapporti.
  • Il lavoro sul testo: interrogare l’opera, logica e coerenza della scrittura, i significati nascosti.
  • Discussione da parte dei partecipanti.
  • A ciascun partecipante verrà fornita copia del testo in traduzione italiana

Quanto costa

€ 15 per chi si iscrive entro il 29 dicembre 2019
€ 19 per le iscrizioni successive.
Workshop + spettacolo “Don Giovanni”: € 23 (€ 27 dopo il 29 dicembre)

Come si partecipa

Iscrizioni on line -> CLICCA QUI

Oppure ci si può iscrivere presso la sede del TRAM in via Port’alba 30 (si consiglia di contattare Assia al num. 342 1785930).

Chi è Mirko Di Martino

Autore, regista, direttore artistico del Teatro TRAM di Napoli, fondatore della compagnia Teatro dell’Osso, ha scritto numerosi testi teatrali di diverso genere, rappresentati nei teatri italiani e all’estero, con i quali ha vinto importanti premi e riconoscimenti (tra cui: “Premio Sorace”, “La Corte della Formica”, “Premio Vallecorsi”, “Schegge d’Autore”, “Fondi La Pastora”). Tra i suoi spettacoli: “Il Fulmine nella terra”, una ricostruzione del terremoto in Irpinia del 1980, spettacolo trasmesso integralmente da RAI 5; “Cosa Vedi”, un’analisi spietata dei rapporti di coppia in scena presso il Ridotto del Teatro Mercadante di Napoli, “Antigone 1945”, una rilettura dell’Antigone di Sofocle, spettacolo vincitore del DOIT Festival a Roma; “Artemisia”, un dramma sulla vita di Artemisia Gentileschi realizzato con il sostegno del Forum Internazionale delle Culture. E’ ideatore e direttore del prestigioso Festival “Vissi d’Arte – Il teatro racconta i pittori” (quattro edizioni) e della rassegna “Classico Contemporaneo” (cinque edizioni), rassegna di spettacoli che attualizzano e riscrivono i classici, in scena a Napoli presso il chiostro di San Domenico Maggiore.

Informazioni
Teatro TRAM via Port’Alba 30, Napoli
cell. 342 1785 930
email info@teatrotram.it